S.G.B. de La Salle Tricentenario

Nel XX secolo un famoso scrittore francese, Antoine de Saint-Exupéry, in uno dei suoi libri, “Il piccolo principe”, affermò che <<non si vede bene se non con il cuore: l’essenziale è invisibile agli occhi.>>

Circa quattro secoli prima, San Giovanni Battista De La Salle aveva affermato lo stesso principio: <<E’ importante toccare il cuore dei nostri studenti per raggiungere lo scopo di formarli.>>

Tutti i docenti della scuola San Giovanni Battista de La Salle, per celebrare il grande Santo, in occasione dei 300 anni dalla sua morte, si sono uniti cercando proprio di “toccare i cuori degli alunni”, attraverso un lavoro che ha permesso loro di riflettere sulla figura di San Giovanni Battista De La Salle.

Così abbiamo colto l’occasione per far loro approfondire la Sua conoscenza e capire cosa avrebbe voluto ottenere con il proprio lavoro.

E abbiamo cominciato! I più piccoli della scuola secondaria hanno analizzato i principali aspetti della vita del Santo e riflettuto sul significato del Giubileo lasalliano, mentre le classi seconde hanno esaminato il contesto storico nel quale è vissuto, i più grandi invece si sono cimentati con cinque tra le sue numerose meditazioni; il tutto è stato abbellito dai disegni realizzati dai bambini della quinta classe della primaria.

Tutti i ragazzi hanno dimostrato impegno ed entusiasmo, ma l’aspetto più significativo è stato vedere di essere riusciti a suscitare il loro interesse per il Santo, del quale hanno anche messo in pratica il metodo, lavorando in gruppi e cooperando tutti insieme, per conseguire l’obiettivo divertendosi.

Questi lavori, redatti principalmente in italiano, sono stati tradotti in inglese e in spagnolo, non sempre in modo letterale, avendo dovuto assecondare le competenze linguistiche dei ragazzi, legate alla loro giovane età.

Ci siamo tutti impegnati molto, alunni e insegnanti, ma possiamo ritenerci soddisfatti del fatto che ora i nostri ragazzi conoscano meglio San Giovanni Battista De La Salle, riconoscendolo come una guida per ciascuno di noi: educatori, docenti, studenti, credenti e non credenti.

Come affermò lo scrittore Gabrile Vecchione, nella nostra esperienza umana abbiamo imparato che c’è una logica intrinseca che ci fa uscire da noi stessi spingendoci verso gli altri, perché chi ama è in grado di donare la sua vita per il prossimo.

Così fece Dio e così fece San Giovanni Battista De La Salle, il quale riconobbe e vide nei bambini poveri l’immagine di Dio.

Potrete scaricare da QUI il PDF completo. Buona Lettura!